E’ arrivato il nuovo iBook: il MacBook!

A cura di Aran Banjo 

Dopo tanta attesa, è arrivato il nuovo portatile entry level di Apple, il sostituto del glorioso iBook.
Da oggi infatti nel listino Apple entra il MacBook! Ed oltre al colore bianco, è disponibile anche il colore nero (in omaggio al mitico iPod).

Tutti i principali siti di rumors indicavano come oggi il giorno della presentazione, ed inoltre annunciavano che il nome sarebbe cambiato.
Del resto, ora che i Mac sono dei PC, bisognava pur identificare da subito che si trattasse di un prodotto Apple.
Per questo è stato abbandonato il prefisso i (iBook) a favore di Mac. Quindi, nel listino ora esistono i MacBook ed i MacBook Pro, che sostituiscono rispettivamente iBook e Powerbook.

Devo confessare che, per i vecchi utenti Mac, i Powerbook sono da sempre i portatili per antonomasia e non capisco del tutto la scelta del marketing Apple.

Così come, non me ne vogliano i sostenitori, non capisco l’attuale differenza di prezzo tra USA e Italia e tra le due serie di prodotti.

Per esempio, a parte scheda video, monitor e corpo macchina, la differenza di prestazioni tra MacBook e MacBook Pro da 15″ si assottiglia molto, mentre la differenza di prezzo rimane assolutamente rilevante. Il più performante dei MacBook costa 1.519 Euro mentre il MacBook Pro più economico costa 1.999 Euro. Ben 480 Euro di differenza, a fronte di un monitor leggermente più grande e una scheda video più potente.

Inoltre il nuovo monitor da 13,3″ del MacBook promette una migliore qualità di visione, pareggiando i conti con quello del MacBook Pro (dimensioni a parte).

Quello che davvero non sta in piedi è il cambio Dollaro-Euro praticato da Apple.
Per la serie MacBook Pro questo continua ad essere pari (1 Dollaro = 1 Euro), mentre per i prezzi del nuovo MacBook…beh, scopriamo che il Dollaro vale più dell’Euro!
Infatti il modello più costoso negli USA viene 1.499 Dollari, mentre in Italia si sborsa la bellezza di 1.519 Euro!!!

Ah… tutti quanti questi prodotti sono realizzati a Taiwan o in Corea, quindi i costi di spedizione sono praticamente gli stessi per Europa e USA…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: