Mac in Show a Vicenza

Posseggo un ibook 12″ da novembre 2005, quindi è da poco che sono entrata a far parte del mondo Apple. La recensione della mostra sarà breve e non di carattere tecnico, ma riporterò solo le mie impressioni e le fotografie. La recensione dettagliata la lascio all’esperto di mac, il Dott. Aran Banjo.

<br> Contenuto alternativo per i browser che non leggono gli iframe.<br>

Completamente estranea al mondo mac, perchè nata e cresciuta con Microsoft – Windows, ho deciso di abbandonare la vecchia strada per la nuova ( e quel che ho trovato è stato molto meglio di quel che ho lasciato ), quando per la prima volta ho visto utilizzare il powerbook del mio ragazzo. Ancora legata alla mentalità windows, l’apprendimento del nuovo sistema operativo Tiger è stato graduale, ma indolore. Fin dall’inizio, insomma, mi sono trovata piuttosto bene a lavorare con l’ibook e sono stata decisamente soddisfatta dell’ acquisto.
Adesso era ora di saperne un po’ di più, e questa mostra, seppur piccola e non estremamente curata, mi ha dato la possibilità di farlo; e poi avevo il mio iCicerone !,
I creatori di Apple sono stati dei geni, sempre all’avanguardia, sia per quanto riguarda il design dei computer, sia per la configurazione decisamente user friendly dei loro sistemi operativi. Parlo da profana, perciò potrei anche dire delle grandi sciocchezze, ma per quel che ho capito, la loro idea di fondo ( oltre a quella di voler battere la concorrenza rappresentata da Microsoft ), è sempre stata quella di creare una macchina – il computer – il più semplice possibile per l’utilizzazione dell’utente finale, e non mi riferisco solo al sistema operativo in se stesso, ma anche alla costruzione vera e propria della macchina ( struttura interna del cabinet, per essere un po’ più chiara ).
E poi l’originalità delle forme e dei colori, sempre un passo avanti rispetto agli altri; dopotutto, uno dei loro slogan era : “No beige”, in un momento in cui tutti i computer era per l’appunto di colore beige.
Apple è diventato un vero e proprio stile di vita : anticonformista, lontano da tutto ciò che fosse banale e massificato. La loro filosofia in due parole : think different. Credo siano riusciti nel loro intento di creare qualcosa di completamente diverso, ma da quello che mi ha spiegato Aran, con l’avvento del processore Intel inside, anche i computer mac si sono trasformati in pc, e questo passaggio è avvenuto con non poco dispiacere da parte di chi aveva vissuto la nascita e lo sviluppo dei computer Apple condividendone la filosofia di vita.

Tag :

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: